Rimuovere .kde fa bene alla salute

rm -r /home/user/.kde

Consiglio pratico per chiunque utilizzi KDE: per problemi vari e misteriosi del vostro utente, rimuovere la cartella .kde è cosa buona e giusta.

Vi si è sfanculato il desktop e non capite più niente? Le impostazioni dei vostri programmi della suite kde fanno le bizze? Il pc si è rallentato come non mai (a me è successo)?

Rimuovete /home/utente/.kde e molto si risolverà.


Al successivo accesso, il sistema ricreerà da solo una nuova cartella .kde pulita, nuova e (si spera) funzionante: tutto quello che perderete saranno le impostazioni grafiche (desktop, temi vari) e le impostazioni dei programmi kde (kontact, amarok etc). Tutti gli altri dati non saranno toccati.

Anzi, vi dirò di più.

Se non vi fidate a cancellare la cartella, o se, magari, volete mantenere qualcuna delle impostazioni e delle configurazioni contenute in questa cartella, fate così: semplicemente rinominate la cartella .kde in qualsiasi altracosa (.kde1, .kdeold, .pippo).

Al nuovo accesso il sistema ricreerà comunque la cartella perchè non ne troverà una col nome che piace a lui.

In questo modo

– Se per qualsiasi motivo vorrete recuperare la cartella precedente basterà eliminare la nuova e restituire il nome originale alla vecchia.

– Se vorrete recuperare le impostazioni di qualche programma contenute in quella cartella, potrete singolarmente copiarle dal vecchio file, sperando di non portarvi dietro gli errori della vecchia configurazione.

 


Ricapitolando

  • Se avete problemi con le configurazioni di kde e/o dei suoi programmi
  • Rimuovete o rinominate la cartella nascosta .kde che trovate nella vostra home
  • Uscite e aprite una nuova sessione
  • Ora avrete una nuova cartella .kde pulita ed eventualmente quella che avete rinominato; il resto è identico a prima.
  • Se volete, recuperate qualche impostazione dalla vecchia cartella copiando le cartelle relative ai programmi in questione nella nuova .kde (evitate di ricopiare tutto, così facendo vi ritrovate al punto di prima, anche come problemi)

 

 

Tutto questo ve lo dico per esperienza, un paio di volte in cui avevo cominciato a disperare, questa semplice operazione mi ha rapidamente risolto la situazione.

Explore posts in the same categories: BLOG

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: