A night to remember

Anche se a un po’ di giorni di distanza (il fattaccio è avvenuto tra il 22 e il 23 di questo mese), un intervento sulla mia festa o, meglio, su una festa organizzata come al solito per far casino in questo caso usando come scusa il mio diciottesimo compleanno, mi sembra doveroso, se non altro perchè la tamarrissima locandina madeinLios merita di essere pubblicata.

Eccola

Locandina che, purtroppo, non è stata molto fortunata, poichè intenzione di Lios era fare un djset, ma, per cause di forza maggiori (leggi=mancanza di casse) ciò non è stato praticamente possibile.
Ma, dunque, cominciamo dall’inizio.
Diciamo che, dopo essere riuscita ad andare dal parrucchiere e a raggiungere in tempo record Tata (in compagnia di Lydia) e Nova e dopo aver fatto la spesa con costoro e altri quattro eletti (complimenti a Tata per il parcheggio), siamo andati all’appuntamento con le altre due macchine al casello di Genova Ovest. Appuntamento che solo io avevo capito…
Dopo aver in un modo o nell’altro radunato l’intera truppa, scatta l’incubo benzina.

_Ma una Twingo in riserva quanti chilometri farà??!_

Arriviamo senza dover spingere l’auto fino al primo distributore, sopravviviamo a un paio di incidenti dovuti alla mia prontezza nel dare indicazioni stradali e, più o meno miracolosamente, arriviamo a destinazione sani e salvi.
Seguono momenti di confusione nella mia testa (qui si accende il gas, porta aperta, il rubinetto dell’acqua dove cazzo è??) torcia–>ricerche–>imprecazioni–>aiuto del vicino–>grazie, a posto. (e la calderina? Così, no, così)–>grazie, Matte.
Tentiamo di fare una carbonara, ma ci rendiamo conto di aver scordato la pancetta (piccolo dettaglio…) e optiamo quindi per una puttanesca, o qualcosa di simile, insomma.
Dopo cena mi viene donato un lettore multimediale tipo IPod (Gente, grazie mille, proprio bello!) sul cofanetto del quale è rappresentata Madonna (Lios, Madonna non rulla proprio per niente :)), Perdo dieci anni di vita nel ritrovarmi davanti quest’ultima appena scartato il pacco, ma poi mi rendo conto che è solo il cofanetto [mano sulla fronte a scacciare il sudore accumulato per la preoccupazione].
Finita la pasta, finite le salsicce, si comincia con la briscola, il limoncello, l’amaretto etc e tentiamo di ascoltare la musica che Lios con tanta cura ha preparato, ma i problemi di audio si rivelano purtroppo notevoli.
Due foto con grissino (una a Nova giusto un po’ alticcio, una a Lios dormiente), due ubriachi (Nova e Benassi), molte partite a briscola e una discreta quantità d’alcool dopo, ci ritroviamo a fare le ultime briscole io, Delpo e Foglio. Facciamo le ultime sul divano, stile vecchiettiallospizio e, intorno alle 4equalcosa, deicidiamo che forse possiamo anche andare a dormire: troppo stremati per salire al piano di sopra nelle stanze optiamo per sistemarci in un modo o nell’altro in quella stessa.
Il giorno dopo, sopravvissuti ai molteplici brividi notturni e svegliatici a scaglioni, facciamo colazione con quello che ci capita a tiro: smarties, biscotti, caffè, birre…
Facciamo esplodere la solita bottiglia (in questa occasione di similCocaCola), che, però, evidentemente, quest’anno, ha deciso di fare tutto da sola esplodendo direttamente nel freezer.
Cominciamo a sistemare la casa, io mi do al lavaggio delle pentole (Se becco quello che non ha messo la padella col grasso delle salsicce subito a lavare… XD), pranziamo con una pasta simile a quella della sera prima.
Finiamo di sistemare il tutto e poi, una macchina prima e una dopo (Foglio con la terza auto era partito all’alba), abbandoniamo il loco.
Il viaggio di ritorno è caratterizzato dalla continua apertura e chiusura dei finestrini per impedire che andassimo a sbattere a causa dei vetri vagamente appannati.

Vi invito ad aggiugere battute, aneddoti, dettagli vari ed eventuali che mi sono scordata o persa…

Grazie ai nove che hanno contribuito a fare confusione, con mio magno gaudio
Roberta
Lios
Matte
Alice
Tata
Nova
Benassi
Foglio
Delpo

Explore posts in the same categories: BLOG

Tag:

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

2 commenti su “A night to remember”


  1. uffaaah e io non c’eroh T__T
     
    [ piange ]
     
    …sarà per la prossima *o* ancora auguri tata!

  2. alice vigo Says:

    .. uhm ..non era la pancetta che avevamo dimenticato..ma..LE UOVAAAAAAAAAAAH x°De come non citare la ricerca del parkimetro *-*buahahha crazie per la fiQata di festa (L)


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: